La cagnolina viene ripresa mentre abbraccia l’amica prima di essere soppresse. Poi tutto prende una nuova piega!

Una storia a lieto fine quella che ha visto come protagoniste Keira e Kala, due cagnoline randagie che rischiavano di essere soppresse prima che una associazione si mobilitasse in loro aiuto.

Una storia riportata dal Telegraph che mostra come un abbraccio può salvare la vita e, nel caso delle due cagnoline, è stato realmente così.

Nello stato di Georgia, Stati Uniti, i randagi vengono rinchiusi in spazi e soppressi se presentano malattie o uno stato precario, e se nessuno adotta gli animali.

Quando l’associazione Angels Among Us ha saputo del pericolo che incombeva su kala e Keira si è messa subito in moto per vedere se si riusciva a trovare una sistemazione alle due inseparabili cagnoline.

L’immagine di Kala, la cagnolina marrone, che abbraccia come presagio la sua amica di sempre, in un batter d’occhio è diventata virale, smuovendo i cuori di migliaia di persone.

Come riporta un portavoce dell’associazione, sono bastate poco più di due ore dal momento della pubblicazione perchè Kala e Keira trovassero una nuova famiglia.

La legislazione americana è particolarmente dura ed intransigente in materia di cani randagi.

Se dopo un periodo che, a seconda degli Stati, supera le 3 settimane senza aver trovato una sistemazione all’animale si procede con l’eliminazione.

Le associazioni a tutela dei randagi lo sanno, e fortunatamente dispongono di una rete di contatti molto capillare, che si mobilità con velocità quando arrivano segnalazioni e richieste.

Kala e Keira sono state davvero fortunate, ed oggi continuano a vivere insieme nella loro nuova sistemazione.

Siamo felici dell’esito fortunato che queste due piccole randagie hanno avuto grazie ai volontari di Angels Among Us, e grazie all’uso dei social queste due simpatiche cagnoline hanno evitato il peggio!

Una bella storia da condividere. Cosa ne pensate?