Le 5 piante indispensabili nelle nostre case per purificare l’aria. Scopriamo quali sono e come prendermene cura

Le piante sono in grado di purificare l’aria nelle nostre case ed attirare positività.

Alcune più di altre, sono adatte a questo scopo e posso essere facilmente coltivate anche in ambienti meno ventilati.

Ve ne suggeriamo 5:

Chlorophytum Comosum o nastrino

È una pianta molto apprezzata, sempreverde e non richiede molte cure.
È piuttosto facile vederla negli uffici, perché il suo bel fogliame, arreda le stanze con eleganza.

È originaria dell’Africa meridionale e al suo nome scientifico viene preferito quello di nastrino o falangio.

I suoi piccoli fiori bianchi tra ciuffetti di foglie, sono particolarmente decorativi.

Secondo una ricerca della NASA diffusa negli anni 80, si ritiene che questa pianta abbia la capacità di purificare l’aria in quanto assorbe la quasi totalità di frazione di monossido di carbonio presente.

Va posizionata alla luce, teme le correnti d’aria e non andrebbe mai esposta al di sotto dei 14°C.

Dracena

Anch’essa una pianta molto apprezzata, soprattutto perché si adatta ad ambienti poco luminosi.

Originaria del Madagascar, ha fusti sottili e slanciati che portano a ciuffi di foglie molto sottili.

In commercio è possibile trovarne diverse varietà, tutte molto eleganti e con le stesse caratteristiche.

La Dracena purifica l’aria assorbendo formaldeide, toluene e xylene;

la Dracena marginata è ad esempio in grado di rimuovere dall’ambiente circa 10 microgrammi/ora di xilene e toluene.

La dracena teme i raggi diretti del sole e non va mai posizionata accanto ai radiatori per l’eccessivo calore e la ridotta umidità.

La temperatura ideale è tra i 16°C e i 24°C.

Filodendro

È certamente una delle piante più diffuse in Europa e quindi anche in Italia. È possibile trovarne centinaia di varietà diverse tra loro per colori, dimensione e adattamento climatico.

Non è una pianta indicata in presenza di bambini piccoli o animali domestici in quanto, se ingerita, risulta tossica.

In compenso ha un’eccellente capacità di filtraggio delle sostanze inquinanti volatili in particolare la formaldeide.

Spatifillo

Classica pianta da appartamento che viene utilizzata volentieri per decorare uffici e centri commerciali.

Offre una periodica fioritura e richiede poche cure.
Basta concimarla ogni 10-15 giorni nel periodo primavera-estate per vederla fiorire e crescere rigogliosa.

È una pianta tropicale, la sua temperatura ideale è di circa 20°C e non sopporta gli sbalzi termici.

La sua capacità di purificare l’aria è ormai piuttosto nota.
Lo spatifillo ha la capacità di neutralizzare molti dei composti organici volatili, i cosiddetti VOC.

Felce

Esistono circa 11.000 specie di felci pensate!

Ama il clima mite e non inferiore ai 10°C .

In casa va tenuta lontana dalle fonti di calore dirette ed è bene spruzzare spesso le sue foglie in quanto teme la mancanza di umidità.

L’annaffiatura deve essere abbondante in primavera-estate e ridotta in autunno-inverno, ma abbiate cura di mantenere sempre umido il suo terreno.

 

La felce è in grado di purificare l’aria degli ambienti in cui vive in modo eccellente.

Assorbe infatti la formaldeide prodotta dal fumo di sigaretta, dal gas dei fornelli, dai sacchetti di plastica, dagli abiti di tintoria, da smalti e vernici, stoffe, tendaggi.

Conoscevate queste piante?
Ne coltivate già alcune nelle vostre case?
Scriveteci le vostre opinioni e le vostre esperienze!
Non dimenticate di condividere l’articolo con i vostri amici, lo apprezzeranno!