Non permettere a chi non conosce la tua storia e nn ha percorso la tua strada di giudicarti!

Ci vuole coraggio per mettersi nei panni degli altri, perché fa male, perché porta la consapevolezza che spesso siamo ingiusti verso coloro che hanno solo bisogno di sostegno.

Guardare gli eventi da lontano, come un semplice spettatore, non dà a nessuno il diritto di giudicare ciò che vedono e che riguarda il vissuto altrui.

Spesso le persone vengono giudicate in base agli atteggiamenti che assumono, subiscono la morale e i commenti di coloro che non sanno cosa sia realmente accaduto e cosa ha portato ad assumerli.

Uno dei più grandi favori che potremmo fare agli altri, è quello di conoscere, sapere, informarci sul loro vissuto prima di giudicare. Eventualmente.

Chi interrompe una relazione, chi lascia il lavoro, chi ama come vuole, chi parla nella sua mente, per conto suo…

Sono innumerevoli gli esempi di comportamenti che finiscono col diventare il bersaglio della critica e del veleno altrui.

Senza nessun diritto. Senza aver conoscenza dei fatti. Senza tatto e senza nessuna forma di intelligenza mentale ed emotiva.

Come si possono emettere giudizi di valore basati solo sulla conoscenza superficiale, senza aver vissuto da vicino nessuna delle storie giudicate?

Ogni persona vive il mondo, gli eventi, la vita, a modo suo , sistemando ogni cosa secondo ciò che ha dentro di sé, in base a ciò che sta vivendo, sperimentando, subendo.

Nessuno vive la stessa identica esperienza, sente le stesse sensazioni, lo stesso dolore, lo stesso piacere, gli stessi timori.

Non si può ergersi giudici quasi pretendendo che gli altri si comportino in un determinato modo piuttosto che in un altro.

“Io al suo posto … ” quante volte sentiamo dire questa frase? Nessuno è al posto di nessuno.

Ognuno di noi, alla fine, vive nei propri panni e chi ci assicura che al posto degli altri agiremmo meglio o ci comporteremmo meglio? Questa è presunzione.

Bisognerebbe essere empatici per immedesimarsi negli altri e comprendere le emozioni, i sentimenti e le paure che li portano ad agire in un modo piuttosto che in un altro.

E ci vuole coraggio per mettersi nei panni degli altri, perché fa male, porta alla consapevolezza che spesso siamo ingiusti verso coloro che hanno solo bisogno di sostegno. Si.

Le scelte più estreme non vengono quasi mai prese da coloro che stanno bene, ma da persone intrappolate nel dolore e nella disperazione. Riflettiamoci.

Non permettere mai a nessuno di giudicarti senza aver vissuto la tua storia, senza aver condiviso nulla con te, senza che ti abbiano mai proposto aiuto.

Ignora chi attacca senza capire, chi giudica senza sapere, chi comanda senza potere, perché la maggior parte delle persone, quando giudica, è sciocca e superficiale.

Non preoccuparti se gli altri pensano che tu stia sbagliando. Chi è immune dall’errore? Sbagliano anche i giudici più accreditati. Sbagliano tutti, perché è nella natura umana.

Tutti sbagliamo.
Soprattutto coloro che cercano di nascondersi, puntando il dito verso gli altri.

Dopotutto, nessuno può essere spietato quanto la nostra coscienza. Ed è ad essa che siamo tenuti a rispondere.